Aeroporto di Milano-Malpensa

Torna a Articoli
taxi Malpensa

Aeroporto di Milano-Malpensa

L’Aeroporto di Milano Malpensa è uno degli aeroporti più importanti d’Europa e il secondo in Italia per numero di passeggeri che ogni anno vi transitano: per quanto riguarda questo aspetto è secondo soltanto allo scalo di Roma Fiumicino, Ma qual è la storia di questo scalo, situato nella provincia di Varese, a circa 40 km dalla città di Milano e in cui operano le maggiori compagnie internazionali?

La storia dell’Aeroporto di Milano Malpensa

La storia di quello che oggi è uno degli scali aeroportuali più importanti al mondo e che si estende su porzioni di territorio di diversi comuni lombardi, inizia nei primissimi anni del secolo scorso: era il 1909 quando Giovanni Augusta e Gianni Caproni, due industriali di quel periodo, diedero vita ad un campo di aviazione nei pressi della Cascina Malpensa, in modo da avere un luogo dove far volare i propri prototipi. Successivamente nell’area vennero aggiunte alcune strutture di tipo militare e il campo si tramutò in una vera e propria scuola per aspiranti piloti militari. Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, nel maggio del 1948, alcuni industriali milanesi decisero di cominciare ad operare per rendere la struttura uno degli snodi strategici per lo sviluppo dell’industria lombarda. Dopo pochi mesi di lavoro l’aereoporto poté aprire i battenti sotto il nome di “Aeroporto della città di Busto Arsizio”. Il 1950 fu un anno molto importante, perchè avvenne il primo volo diretto per New York, segno tangibile dell’importanza che nel giro di pochissimi anni lo scalo aveva assunto.

L’Aeroporto di Milano Malpensa nella seconda metà del ‘900

Agli inizi degli anni ’50 del secolo scorso su Malpensa operavano già 10 compagnie estere insieme ad Alitalia e sempre nello stesso anno il Comune di Milano fece il suo ingresso nella società che gestiva lo scalo e nel giro di poco tempo arrivò ad assumerne il controllo. In quegli anni lo scalo venne sottoposto a continui lavori di ampliamento e venne potenziata anche la rete di collegamento con Milano, il primo grande centro urbano più importante vicino all’aereoporto. Negli anni ’70 del secolo scorso Malpensa si confermò come uno degli scali più importanti a livello europeo e questo portò lo scalo ad essere oggetto di investimenti sempre maggiori per il suo ammodernamento.

La vita dello scalo a partire dal 1980 fino ad oggi

A partire dal 1980 l’Aeroporto di Malpensa fu oggetto di diversi piani regolatori ed entrò in competizione con quello di Linate. A riprova della importanza dello scalo vi fu la decisione da parte del Consiglio UE nel dicembre del 1994 di inserire Malpensa come uno dei progetti di primaria importanza per quanto riguardava la TEN, acronimo di Trans European Network. Nei primi anni 2000 lo scalo raggiunge un traffico di circa 24 milioni di passeggeri transitati in arrivo ed in partenza. Purtroppo la crisi economica degli anni successivi ha portato ad una diminuzione del numero di passeggeri e la crisi di Alitalia ha avuto un impatto pesante sullo scalo.
Oggi Milano Malpensa è comunque ancora uno degli scali più importanti a livello internazionale e l’esperienza dell’EXPO gli ha dato nuova linfa, riportandolo al centro dell’attenzione delle pubbliche autorità, al cui studio vi sono nuovi progetti di ristrutturazione.

Condividi questo post

Torna a Articoli